Teatro Cantiere

Ritratto di Teatro Cantiere

Provincia di Pisa
Settori artistici di interesse:
Bookmark and Share

NOI
Teatro Cantiere è un gruppo di ricerca teatrale attivo dal 2003 attualmente composto da Sara Pirotto, Hengel Tappa, Davide Cangelosi e Donatella Trimboli. Dalla fine del 2011 è entrato a far parte della famiglia di Teatro Cantiere Armando Masoni, musicista e curioso delle possibilità espressive del teatro.
La compagnia lavora con entusiasmo da molti anni tra le mura del Centro Culturale Cantiere Sanbernardo di Pisa, limitando le uscite e ponendo invece l’attenzione su un proprio percorso etico, estetico e di metodo.
Teatro Cantiere è una piccola comunità “segreta” con le proprie regole, le proprie idee, la propria visione del mondo. La comunità si riunisce quanto più spesso può: i suoi membri lavorano per costruire e consolidare nuovi modi di relazione e reazione all’altro e a sé.
Teatro Cantiere è una fucina, una bottega, una famiglia teatrale d’antan che non ha come unico scopo l’allestimento del proprio spettacolo, ma ama creare, inventare, costruire, tessere relazioni, passare le proprie conoscenze ai nuovi arrivati e da loro trarne nuove.

IL NOSTRO METODO
Il metodo teatrale di TC si basa su un intenso training fisico e vocale che vede come protagonisti l’azione, la reazione, la comunicazione non verbale e la comunicazione verbale non strutturata. Ne risultano relazioni vive, “presenti” e soprattutto sincere e disarmanti. La ricerca di una comunicazione fisica personale, seguendo i propri ritmi interiori, ha portato gli attori a maturare un proprio singolare uso del corpo che è sfociato in una sorta di danza teatrale, un teatro che danza (lontano, lontanissimo dal cosiddetto Teatrodanza).
La ricerca sulla voce e sulle possibilità sonore ha condotto il gruppo verso l’invenzione di una propria lingua (glossolalia) la cui forza non sono le parole, ma la comunicazione emotiva. La glossolalia, così come la usa TC non deve essere confusa con il classico grammelot, è piuttosto una lingua interiore, che smuove emozioni e istinti nascosti, appoggiandosi alle vibrazioni del corpo.
Anche nel canto Teatro Cantiere sta proseguendo un proprio percorso, sfruttando la possibilità di canto con la glossolalia e di canto corale libero.
Per creare uno spettacolo TC segue diverse vie: gli attori creano azioni ripetibili partendo da una canzone, da un’immagine, da un testo, dal proprio training, sia singolarmente, sia in relazione con altri attori. Le azioni così trovate e fissate (rese cioè ripetibili) vengono poi smontate e ricostruite sotto la guida e i suggerimenti del regista, amplificandone alcune parti, riducendo altre, modificandone i ritmi e le pause. Le azioni montate assieme vengono poi ancora una volta modificate, associandole ad azioni vocali (canti, testi, suoni, glossolalia), dando loro un significato nuovo, inatteso, che a volte spiazza la compagnia stessa. Una volta contestualizzate le azioni contribuiscono alla creazione dello spettacolo vero e proprio. In tutto questo processo di grande importanza è il rapporto tra attore e regista: in Teatro Cantiere il regista non ha un ruolo tradizionale, si tratta piuttosto di un occhio esterno, che costruisce argini ai flussi creativi degli attori, spronandoli, facendoli reagire e impedendo loro di lasciarsi intrappolare dalla tentazione di arrivare a risultati facili.

I NOSTRI MODI
Come una famiglia teatrale o circense i componenti di Teatro Cantiere sono autosufficienti e autarchici e curano personalmente tutto ciò che sta intorno alla loro scelta di fare teatro: l’ufficio stampa e la promozione del gruppo, l’allestimento degli eventi proposti, delle luci, dei costumi, delle scenografie.
Come una bottega artigiana, oltre alla formazione continua dei suoi attori, Teatro Cantiere si occupa anche di formazione per esterni, organizzando e dirigendo laboratori, incontri, scambi e si impegna in una continua ricerca nell’ambito dell’arte dell’attore, del canto, della voce, dell’espressione corporea, della danza. Tutto ciò si affianca a uno studio approfondito degli argomenti che il gruppo desidera trattare nei propri spettacoli con la raccolta e la catalogazione di documenti scritti, immagini, musica, video, tanto da riuscire a creare veri e propri archivi sui diversi temi indagati.

Ultimi lavori